domenica 12 maggio 2019

La prova del nove

Sono stato tre giorni in montagna con tutti i colleghi, in occasione di un'iniziativa di team building in cui, tra le altre cose, alcuni di noi - immodestamente autocandidati ma  democraticamente selezionati - hanno avuto la possibilità di parlare agli altri di un argomento a scelta: tra gli altri, vino, nodi, supereroi "reali" (nel senso della realtà, non nel senso del re: tutti repubblicani, quanto a questo),  videogiochi, kung fu.

Io ho scelto una minuscola goccia nel mare della matematica - del resto, c'è altra disciplina che valga la pena studiare?

Così ho parlato della prova del nove, croce e delizia di tanti studenti di medie e superiori: del perché funziona (la funzione che ad ogni intero associa la sua classe di resto in modulo k "si comporta bene" con le operazioni di somma e prodotto - tecnicamente: è un isomorfismo da Z in Zk), di quali sono i suoi limiti, del perché - benché sia possibile - non si utilizzino la prova del cinque o quelle del sette bensì proprio quella del nove. Conclusione scoppiettante con una moltiplicazione in base quattro il cui risultato abbiamo verificato con la prova del tre.
Sipario.

Nessuna slide, lavagna di carta ed un paio di pennarelli (lo scopo principale del cui design sembra essere quello di trasferire l'inchiostro dal proprio interno alle mie mani). Una mezz'ora, probabilmente abbondante nonostante le promesse.

È stato bello, mi sono divertito (non so se per gli uditori si possa dire lo stesso e qualche faccia perplessa c'era) ed oggi, dopo un paio di giorni di "decantazione", ho realizzato che si  è trattato della prima lezione di matematica della mia vita, se escludiamo qualche sproloquio destrutturato alla lavagna in ufficio tanti anni fa  e qualche lezione privata ad un amico di mia sorella che, per anonimato e con riferimento al livello di ricettività, chiameremo ciuchino.
Ho sempre avuto il dubbio di aver sbagliato qualcosa, nelle mie scelte universitarie ed in ciò che ne è seguito professionalmente. L'esperienza in università mi ha insegnato che nulla emoziona quanto spiegare qualcosa che piace. Questa esperienza mi regala il dubbio che nulla emozioni quanto insegnare qualcosa che si ama - e c'è qualcosa che meriti più amore della matematica?

mercoledì 3 aprile 2019

Bootstrap dell'access point

Quindi: un dispositivo per connettersi alla rete, la cui configurazione è possibile solo mediante apposita applicazione, disponibile per un solo sistema operativo (va be': con licenza parlando - indovinate quale) e comodamente scaricabile dalla rete.

Ora: sono il solo a vedere che c'è un problema di design di processo grande come una casa? Ma chi l'ha pensato, un ingegnere gestionale??

Sembra la versione da ufficio del bootstrap di un compilatore...


giovedì 21 febbraio 2019

Ministro dell'Insicurezza

Melegnano, hinterland milanese.
Profondo nord. 
Una famiglia, che come tante altre ha adottato un ragazzo di colore, viene minacciata con scritte razziste sul palazzo in cui vive: "Ammazza il negro" (ovviamente non in italiano: in dialetto - perché va bene prima gli Italiani ma, da sempre, prima che prima gli Italiani viene prima il Nord (do you remember, elettore del Sud che voti Salvini?)).
La madre del ragazzo in questione esprime un parere, piuttosto scontato vista la consueta sovraesposizione mediatica del Ministro (la maiuscola è per la carica, non per chi la ricopre) dell'Interno su qualsiasi tema (i compiti dei figli, la TAV, il derby di Milano, il caffé al mare...) e l'assordante silenzio in proposito: Salvini dovrebbe condannare il fatto, suggerisce.
Salvini risponde: rispetto il dolore di quella madre ma (come se il rispetto potesse avere dei ma) lei rispetti la richiesta di sicurezza.
Che cosa significano queste parole: che il Ministro dell'Interno ritiene che scrivere su un muro "Ammazza al negar", con tanto di svastica al seguito, sia una richiesta di sicurezza? Che il Ministro dell'Interno ritiene che adottare un ragazzo di colore minacci (oltre sa va san dire alla purezza dell'italica razza) la sicurezza degli Italiani e dunque in qualche modo giustifichi la comparsa di minacce di morte di stampo razzista?
Forse significa semplicemente che il Ministro dell'Insicurezza (se, com'egli sostiene, più clandestini significa meno sicurezza, il provvedimento peggiore degli ultimi decenni per la sicurezza degli Italiani è stato probabilmente il suo decreto (Decreto Insicurezza, appunto) che ne moltiplica il numero riducendo le possibilità di ottenimento dello status di rifugiato) ha person un'occasione per tacere - ma questo non ci stupisce più di tanto. Certo, dopo averlo visto bere il caffé a torso nudo tra luglio ed agosto, si poteva pensare che il fondo fosse stato raggiunto ma, a quanto pare, una volta arrivato al fondo il Ministro dell'Insicurezza, da buon milanese lavoratore, prende la pala ed inizia a scavare. Verso Nord, suppongo.

venerdì 11 gennaio 2019

Vent'anni dopo

Quale musica ascoltare, oggi, lo decide il calendario.

Le canzoni di Fabrizio De André, ne ho scritto mille volte, hanno accompagnato la mia infanzia (le cantava mia mamma quand'ero piccolo: imprinting musicale assicurato) e la mia crescita e fanno parte, in qualche modo, della persona che, a quarant'anni, sono diventato - del mio modo di vedere il mondo, di pensare gli altri, di immaginare il futuro.
Così... è strano, ed un po' triste, pensare che uno dei miei cantanti preferiti - il mio preferito, probabilmente; e comunque quello che mi ha accompagnato quando sono stato felice o triste o arrabbiato o speranzoso o ribelle o (semplicemente) me stesso - è morto da vent'anni: quasi metà della mia vita, vissuta senza di lui.
Al di là di vuote domande come chissà che altro avrebbe scritto, in questi vent'anni, ho un solo vero rimpianto: non averlo mai ascoltato dal vivo. Per il resto, vale - ancora una volta - il verso di una sua canzone: è stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati.

Ciao Fabrizio.